Utilizzare il tempo libero per fare del mondo un posto migliore, con l’avvicinarsi della primavera inizia la lunga stagione dei campi di volontariato per tante associazioni che si occupano di ambiente, lotta alle mafie, cura degli animali, valorizzazione del patrimonio culturale.

liberalegawwfAnche quest’anno, diverse associazioni si sono organizzate  per redigere un calendario di esperienze a cui tutti possono partecipare, dando il proprio piccolo contributo nel tentativo di migliorare il rapporto con l’ambiente. Tanti giovani scelgono di fare un’esperienza di volontariato e di formazione civile, sia per cercare di proteggere l’ambiente ,sia per riqualificare quei terreni e beni confiscati alle mafie ed ora gestiti dalle cooperative sociali e dalle associazioni. Segno questo, di una volontà diffusa di essere “protagonisti” e di voler tradurre questo impegno in una azione concreta di responsabilità e di condivisione.

Legambiente dà la possibilità a ragazzi e adulti di prendere parte a campi di volontariato e di valorizzazione del patrimonio naturale, verranno svolte determinate attività come piantare alberi e costruire panchine per arredare un piccolo parco pubblico, ripristinare sentieri abbandonati, recuperare la bellezza di un bene culturale trascurato o monitorare territori particolarmente vulnerabili. Questo tipo di esperienza è unica e ti avvicina con consapevolezza e conoscenza ai temi ambientali e sociali che ogni giorno viviamo.

Alcune delle prime date disponibili sono:

dal 1 al 7 aprile, sono aperti i campi primaverili all’isola d’Elba, finalizzati alla salvaguardia dell’ecosistema dunale di Lacona;

dal 2 al 7 aprile, al Rifugio Cascina Le Cave in Toscana, adulti e bambini puliranno le aree boschive e costruiranno giochi con materiali di riciclo;

dal 24 aprile al 3 maggio, appuntamento a Torre di Palme nelle Marche, per la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale del bosco del Cugnolo e del borgo medievale;

dal 26 aprile al 2 maggio, chi vorrà potrà recarsi a Favignana, per la pulizia di sentieri e la lotta alle ecomafie.

Anche l’associazione Libera parte a Pasqua con la sua stagione estiva di E!State Liberi, i campi di volontariato e formazione sui beni confiscati alle mafie. L’obiettivo principale dei campi di volontariato sui beni confiscati alle mafie è quello di diffondere una cultura fondata sulla legalità e giustizia sociale che possa efficacemente contrapporsi alla cultura della violenza, del privilegio e del ricatto. Si dimostra così, che è possibile ricostruire una realtà sociale ed economica fondata sulla pratica della cittadinanza attiva e della solidarietà. L’esperienza dei campi di volontariato ha tre momenti di attività diversificate: il lavoro agricolo o attività di risistemazione del bene, la formazione e l’incontro con il territorio per uno scambio interculturale.Per chi invece ama gli animali, è possibile partecipare per tutto l’anno ai campi a Lampedusa organizzati dal “Progetto Tartarughe del WWF Italia“, che ha realizzato un Centro per la cura e lo studio delle tartarughe a tutela della nidificazione della tartaruga marina. Ed è stato appena firmato l’accordo tra il Dipartimento della Gioventù e il Comando generale del Corpo delle capitanerie di Porto per consentire l’avvio della settima edizione di Campogiovani: da giugno a settembre 1200 giovani potranno partecipare ad un campo di una settimana con la Guardia Costiera in attività di tutela della vita umana, del mare, delle coste e dei parchi marini.

Carmela Internicola