Sammurri federparchi

Giampiero Sammuri

Giampiero Sammuri è stata rieletto presidente di Federparchi – Europarc Italia, al termine dell’VIII Congresso nazionale conclusosi a Trezzo sull’Adda. L’interessato si è detto “orgoglioso e onorato di essere stato eletto per la terza volta presidente nazionale di Federparchi. È un momento storico, di grande importanza per il mondo dei parchi. Nei territori dove l’Italia è protetta, non solo è custodito un patrimonio naturalistico di inestimabile valore, ma l’identità stessa del nostro Paese. E aggiungo: anche un asset strategico per rilanciare la nostra economia e creare occupazione nel segno del turismo di qualità, dell’agricoltura legata alle produzioni cicliche, della cultura e delle tradizioni”. Ecco la composizione del nuovo consiglio direttivo. Per i Parchi Nazionali: Cerise Italo, Diaconale Arturo, Giovannelli Fausto, Monti Giuseppe, Pappaterra Domenico, Sammuri Giampiero, Santini Luca, Totaro Domenico, Veronico Cesare e Fiori Benedetto. Per i Parchi Regionali: Agostinelli Agostino, Alfano Maria, Beltrami Gianpietro, Franchello Dario, Mazzaglia Marisa, Salucci Guido, Tola Roberto, Zulberti Antonello. Per le aree marine protette: Alessandro Vittorio, Pecorella Stefano, Romano Nuccio. Per le associazioni: Canu Antonio, Di Donato Filippo, e Nicoletti Antonio. Per gli esperti: Sanna Tore.

La Federazione Italiana dei Parchi e delle Riserve Naturali (Federparchi) è un’associazione di promozione sociale che riunisce e rappresenta gli Enti gestori delle aree protette naturali italiane. Articolata in coordinamenti regionali, l’organizzazione riunisce attualmente oltre 160 organismi di gestione di parchi nazionali e regionali, aree marine protette, riserve naturali regionali e statali, oltre ad alcune Province, Regioni e diverse associazioni ambientaliste. Da giugno 2008, la Federparchi si è inoltre costituita quale sezione italiana di Europarc Federation, entrando a far parte, con i propri associati, di un’organizzazione che associa ad oggi quasi 600 istituzioni ed Enti incaricati della gestione di oltre 400 aree protette in 38 Paesi europei.