Logo Unaprol

Nell’ambito di Milano Expo, grande è l’attenzione per l’olio d’oliva, che è il principale prodotto d’esportazione italiano.

Tra le due varietà autoctone tipiche dell’olivicoltura abruzzese, la Dritta di Pescara ed il Tortiglione di Teramo, vince la qualità certificata delle filiere tracciate Unaprol.

È quanto emerge dal convegno e presentazione dei profili sensoriali territoriali d’Abruzzo, organizzato ad Expo dal Consorzio Olivicolo Italiano. “Un’occasione – afferma Pietro Sandali direttore generale di Unaprol – per presentare il meglio del made in Italy olivicolo esaltando le peculiarità dei vari territori.”

Dai dati dell’osservatorio economico di Unaprol risulta che l’olivicoltura in Abruzzo è la seconda coltura arborea più coltivata subito dopo la vite. Il patrimonio olivicolo abruzzese è stimato in 9 milioni di piante su circa 46.000 ha che rappresentano il 50% della sola superficie agricola arborea utilizzata (SAU).

Al primo posto per produzione la provincia di Chieti con circa il 57% della produzione regionale. Seguono Pescara con il 25% e Teramo con il 14%. Tre le DOP presenti sul territorio rispettivamente nelle province di Chieti (Colline Teatine), Pescara (Aprutino Pescarese) e Teramo (Pretuziano delle colline teramane).

La struttura della trasformazione conta circa 290 frantoi. Un punto di forza dell’olivicoltura abruzzese per la produzione di olio extra vergine di oliva di alta qualità che ora può fregiarsi anche di oli extra vergine con la propria carta d’identità.

“Il consumatore di olio extra vergine di oliva – Afferma Gianfranco D’Addario presidente della cooperativa Plenilia – si trova a scegliere in un mercato caratterizzato da un’offerta che non premia la tipicità dei territori e non distingue il vero prodotto italiano di qualità da miscele di dubbia provenienza che spesso danno origine a frodi, sofisticazioni, imitazioni e contraffazioni. L’attenzione – ha poi concluso – è rivolta ad individuare le caratteristiche dell’ambiente che determinano la qualità, l’origine e la tipicità dell’olio d’oliva. E noi ci siamo riusciti attraverso questo progetto che si integra in toto con il nostro percorso di tracciabilità Unaprol”.

“Consumatori scettici e buongustai esigenti? Tranquilli” – afferma Alberto Bertinelli direttore della Coldiretti Abruzzo intervenuto alla presentazione delle filiere olivicole tracciate abruzzesi di Unaprol. “D’ora in poi sarà più semplice riconoscere un vero e buon olio extra vergine di oliva abruzzese. Abbiamo creato la carta d’identità degli oli prodotti in questa parte d’Italia stretta tra le pendici della Maiella, il Gran Sasso ed il mare Adriatico. Un po’ olio di montagna e po’ olio col profumo di mare. Un extra vergine unico ed irripetibile come il territorio che lo produce. L’Abruzzo – ha poi concluso Bertinelli è unica sull’eccellenza delle sue produzioni e per la sua storia di primati ed ha un futuro già segnato: quello dell’alta qualità certificata.  Il vero made in Italy – ha poi concluso – dovrà competere solo con l’eccellenza delle sue produzioni e non con la politica dei bassi prezzi che brucia ricchezza e rende tutti più poveri”.