Foto o frasi shock sui pacchetti di sigarette come deterrente per i tabagisti; divieto di accendere una sigaretta in auto se sono presenti bambini o donne incinte; sanzioni per chi venderà le ‘bionde’ ai minori. Sono alcuni dei punti del decreto del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che recepisce la “direttiva tabacco” imposta dall’Unione Europea.

Una scelta apprezzata dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. “Il decreto proposto dal Ministro Lorenzin – spiega Salvatore Barberi, Pediatra Pneumo-allergologo dell’Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Consigliere nazionale della Sipps – va certamente nella direzione giusta e corregge le mancanze di quei genitori che mettono da parte il buon senso e decidono di fumare, incuranti dei danni che possono causare ai propri figli. I bambini sono infatti i più fragili e i più esposti al fumo passivo. Ma questo avviene non solo in macchina: l’esposizione al fumo passivo si determina, infatti, anche tra le mura domestiche”.