dissestoIn ballo ci sono 1 miliardo e 250 milioni di euro per 152 progetti da avviare nel corso del 2015 e del 2016.

Passa a Mauro Grassi il timone della Struttura di missione di Palazzo Chigi #italiasicura contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche. Dopo la nomina di Erasmo D’Angelis alla direzione del quotidiano L’Unità e le sue dimissioni da coordinatore di #italiasicura, sarà quindi Mauro Grassi, già direttore della Struttura ad assumere, come da decreto del segretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, anche le funzioni amministrative di coordinatore di #italiasicura.

Mauro Grassi, economista, fra gli altri incarichi è stato direttore generale della Regione Toscana, capo segreteria del Sottosegretario al Ministero infrastrutture e Trasporti e fin dall’inizio direttore di #italiasicura a Palazzo Chigi, struttura di cui da oggi assume anche il coordinamento. La Struttura di Missione sta per varare il Piano stralcio per le aree metropolitane e le città  maggior rischio e sulle aree più critiche del paese, che prevede un intervento complessivo di circa 1 miliardo e 250 milioni di euro per 152 progetti da avviare nel corso del 2015 e del 2016. La prima dotazione finanziaria di 600 milioni, assegnata con la delibera del Cipe del 25 febbario 2015, sarà distribuita fra gli interventi in aree a maggior rischio e il più tempestivamente cantierabili, presentati dalle Regioni e definiti da parametri oggettivi contenuti in un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri concordato con le stesse Regioni.