Home Cultura Stash, i colori e l’insostenibile leggerezza dei talent show